Ricerca personalizzata
Ricerca personalizzata

sabato 28 giugno 2008

Il Parlamento europeo: deficit democratico?

Il Parlamento europeo, a seguito dell’allargamento, riunisce i rappresentanti dei circa 400 milioni di cittadini dell'Unione europea. Dal 1979 i parlamentari sono eletti a suffragio universale diretto per un periodo di cinque anni. I seggi,

al 26 novembre 2004 nel numero di 731, sono ripartiti tra gli Stati membri in funzione della consistenza delle ri

spettive popolazioni. E’ la sede degli interessi dei cittadini (prima differenza con le organizzazioni

internazionali).

Le principali funzioni del Parlamento europeo sono le seguenti:

ü esamina le proposte della Commissione ed è associato al Consiglio nel processo legislativo, anche in qualità di colegislatore, secondo modalità differenti (procedura di codecisione, di cooperazione, parere conforme, parere semplice...);

ü esercita un potere di controllo sulle attività dell'Unione attraverso l'investitura della Commissione europea (e la facoltà di censurarla), nonché attraverso interrogazioni scritte od orali che può rivolgere alla Commissione e al Consiglio;

ü condivide con il Consiglio il potere di bilancio: il Parlamento vota il bilancio annuale, lo rende esecutivo attraverso la firma del Presidente del Parlamento e ne controlla l'esecuzione.

Il Parlamento europeo nomina inoltre il mediatore europeo, che ha il compito di ricevere i reclami dei cittadini dell'Unione riguardanti casi di cattiva amministrazione nell'operato delle istituzioni o degli organi comunitari. Può infine creare commissioni temporanee d'inchiesta, la cui competenza non si limita all'attività delle istituzioni comunitarie, ma può essere estesa anche all'operato degli Stati membri nell'attuazione delle politiche comunitarie.

Il trattato di Amsterdam ha semplificato le procedure legislative, arrivando quasi a sopprimere la procedura di cooperazione (che continua ad applicarsi solo a pochi casi inerenti all'Unione economica e monetaria) e prevedendo una considerevole estensione del campo di applicazione della procedura di codecisione.

Anche il trattato di Nizza, entrato in vigore il 1° febbraio 2003, ha rafforzato il ruolo di colegislatore del Parlamento, grazie all'estensione della procedura di codecisione. Il trattato ha inoltre accordato al Parlamento il diritto di presentare ricorso alla Corte di giustizia delle Comunità europee alle stesse condizioni previste per le altre istituzioni.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Hi terrific blog! Does running a blog like this take a great deal of work?
I have no expertise in computer programming but I had been
hoping to start my own blog in the near future. Anyway, if you have any ideas or techniques for new
blog owners please share. I know this is
off subject nevertheless I simply had to ask. Cheers!

Here is my web site; golf bags amazon uk

Anonimo ha detto...

I was more than happy to discover this page.
I need to to thank you for ones time due to this fantastic read!

! I definitely liked every bit of it and I have you book marked to look at new stuff in your web site.



my web-site ... golf cart heater walmart

Anonimo ha detto...

Quality articles is the crucial to invite the
visitors to visit the site, that's what this web page is providing.

Here is my web page golf-mi.com

Politics Top Blogs Directory of Politics/law/government Blogs feeds2read http://www.wikio.it